Lena e la tempesta – Alessia Gazzola

Lena e la tempesta – Alessia Gazzola

Titolo: Lena e la tempesta

Autore: Alessia Gazzola

Editore: Garzanti

Genere: romanzo

Pagine: 183

Voto del pubblico (IBS) : 4,2 su 5

Prezzo: 15,00

ACQUISTA SU AMAZON

ACQUISTA SU MONDADORI

Trama

Sono quindici anni che Lena non torna nella villa dei genitori sull’isola di Levura, in Sicilia. Dopo aver passato tra quelle mura le estati più belle della sua adolescenza, ha tagliato i ponti non solo con l’isola, ma anche con tutte le persone che frequentavano la villa ogni anno. Da quell’estate in cui la sua vita è cambiata per sempre e lei si è chiusa in una corazza fredda e impossibile da incrinare.

Ora Lena ha trent’anni, i suoi rapporti con gli uomini sono sempre stati superficiali e freddi e il lavoro da illustratrice, che sembrava aver preso inizialmente una buona strada, adesso è a un vicolo cieco. È per questo che, pressata dalle necessità economiche, decide di affittare la casa di famiglia, che il padre le ha regalato dopo la separazione dalla moglie.

Così ritorna su quell’isola piena di ricordi, calda e affascinante come sempre, convinta di restarci solo qualche giorno; ma nel momento in cui vi rimette piede, il segreto inconfessabile che ha custodito per tanti anni la travolge con il consueto impeto, ridestando in lei paure, insicurezze e incapacità di stringere relazioni normali. Mentre il traghetto la allontana da una vita sicura, seppur confusa e complicata, la avvicina al confronto con se stessa, con le persone che erano presenti in quella drammatica notte e a Tommaso, un giovane medico affascinante ma dal passato confuso, che conosce a Levura.

Finalmente, dopo quindici anni, Lena ha la possibilità di ricominciare a vivere la sua vita dal punto in cui l’ha interrotta. Ma lasciarsi andare è difficile e i segnali che manda a Tommaso sono contrastanti e rischiano di rovinare un sentimento nuovo che non ha mai provato.

Puoi vivere una vita normale quando hai un segreto tanto grande che rischia di soffocarti?

Non lasciarti vivere, vivi davvero, mia libellula!


Autore

Alessia Gazzola è un medico legale italiano, ma ha da sempre la passione per la scrittura. Dopo il primo tentativo, fortunatissimo, de “L’allieva”, che ha stupito per l’alto numero di copie, la Gazzola prosegue le vicende della protagonista Alice Allevi in altri 5 romanzi: “Un segreto non è per sempre”, “Sindrome da cuore in sospeso”, “Le ossa della principessa”, “Una lunga estate crudele”, “Un po’ di follia in primavera”, “Arabesque” e “Il ladro gentiluomo“. Visto il successo dei libri, la RAI Fiction ne ha comprato i diritti, traendone l’omonima serie tv. Oltre alle storie di Alice, la Gazzola ha pubblicato, con la stessa fortuna, “Non è la fine del mondo” e “Lena è la tempesta“.


Recensione

Sono davanti al foglio bianco e non so come iniziare la recensione di questo libro. Allora mi chiedo qual è l’aggettivo con cui lo definirei. E la prima parola che mi viene in mente è incantevole. E così mi rendo conto che non c’è molto da dire sul romanzo della Gazzola, se non che va letto. Impossibile descrivere le emozioni che sa comunicare, perché lo fa con tanta leggerezza e fluidità che non è facile da spiegare. Basta leggere le prime pagine per essere rapiti da un’isola tanto vivida quanto immaginaria, nella vita di una donna spezzata che, non potendo dimenticare, si è creata un’esistenza parallela fatta di superficialità e muri, in cui sembra solo una ragazza un po’ solitaria e taciturna, mentre in realtà è incapace di provare le emozioni di una qualunque donna della sua età.

Ho quasi trent’anni e una vita fatta di cocci che non riesco a rimettere a posto.

Non sono riuscita a trovare un solo difetto in questo romanzo, nonostante potenzialmente la storia raccontata avrebbe potuto risultare noiosa con una facilità fin troppo prevedibile. A parte Lena, ci sono solo due figure che possono essere definite davvero personaggi importanti: la madre e Tommaso. Questo significa che Lena, da sola, porta avanti quasi l’intero romanzo.

L’ambiente ristretto, che avrebbe potuto incidere negativamente è invece caldo e accogliente: Levura ti abbraccia e ti rapisce con i suoi colori, i suoi odori, le sue abitudini. Inoltre, una volta svelata la natura del segreto inconfessabile della ragazza, cioè nemmeno a metà libro, si presentava uno scenario che poteva diventare tedioso. Voglio dire, tre personaggi, su un’isoletta al largo della Sicilia, con un segreto che segreto non è. Tanta paura. Paura che il romanzo, improvvisamente, si sgonfiasse e toccasse il fondo della noia.

Invece Alessia Gazzola riesce a trattenerti, dopo un unico momento di smarrimento durato poche pagine, riprendendo il racconto in modo incalzante, con una serie di avvenimenti finali brillanti e inaspettati. La Gazzola ha uno stile fresco e scorrevole, con un linguaggio piacevole, elegante e accurato. Il racconto in prima persona contribuisce a far si che il lettore si senta vicino a Lena e partecipe delle sue emozioni, soprattutto grazie ad una scrittura molto particolare, che spesso in modo sintetico e diretto, quasi brusco, comunica i pensieri e le emozioni della ragazza con estrema vividità.

E’ fin troppo facile immedesimarsi in Lena: il suo personaggio, come anche quello di Tommaso e della stravagante madre della donna, è perfettamente caratterizzato e deciso. Alessia Gazzola sa creare con semplicità e leggerezza la figura di una donna in crisi con se stessa e col mondo, della quale seguiremo l’evolversi del cambiamento, finché non arriverà ad accettare l’idea di essere stata cambiata da quello che è successo, si, ma di non essere diversa, né guasta, come pensa lei.

Quello che mi è successo mi ha rotta in tanti pezzi. Ho deciso di rimetterli a posto e di provare a vivere come chi non si è mai tagliato, come chi ha la superficie integra, anche se la mia è irregolare, la misera risultanza di un rattoppo.

E’ un tema delicato e drammatico, quello attorno a cui ruota il romanzo, che la scrittrice sa trattare con estrema bravura e immancabile tatto. E alla fine ci lascia non solo con la piacevolezza di un’ottima lettura, che consiglio vivamente a tutti, ma soprattutto con un messaggio positivo che non va ignorato. Che bisogna vivere la vita come viene, anche quando sembra impossibile. Che ognuno di noi, nel profondo, ha un segreto con cui deve imparare a convivere.

E che la tempesta, anche quella peggiore, a un certo punto passa. E torna il sole.


ACQUISTA IL LIBRO SU AMAZON

ACQUISTA IL LIBRO SU MONDADORI
Seguimi! Condividi! Oppure metti Mi piace!
fb-share-icon0
Tweet 20

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Currently reading – in lettura

– L’oracolo dei mondi. L’origine – Annachiara Cairoli

– Isolati – Iris Bonetti

 

Segui il blog. Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notizie sui nuovi articoli

Articoli recenti

Collaborazioni