Gioca con me – Luca Scopitteri

Gioca con me – Luca Scopitteri

Titolo: Gioca con me

Autore: Luca Scopitteri

Editore: Morellini

Genere: paranormal thriller

Pagine: 268

Prezzo: 19,00

ACQUISTA SU AMAZON


Trama libro

Durante una gita tra le montagne della Val d’Ossola, una ragazza scompare. I carabinieri seguono la pista di un rapimento, mentre il fidanzato, Guido, è convinto che la sparizione di Francesca sia opera di un essere soprannaturale che infesta i boschi. Insieme all’amico Stefano, Guido inizia la ricerca della fidanzata per conto proprio, mentre misteriosi eventi sconvolgono la sua quotidianità. Più la convinzione del soprannaturale si radica in lui, più Stefano ritiene che l’amico sia vittima di un raggiro. L’arrivo di un uomo dal passato oscuro, Mario Spani, getta altre ombre su una storia forse iniziata negli anni Sessanta all’ospedale psichiatrico di Novara. Il rapporto tra i due amici diventa sempre più conflittuale e si radicalizza in opposte convinzioni che li fa allontanare. Chi ha rapito Francesca? Perché strani incubi tormentano Guido e Stefano? C’è davvero un essere demoniaco che si aggira nei boschi?


Autore

Luca Scopitteri è uno scrittore italiano nato a Novara nel 1977. Il primo romanzo “Il creatore di sogni“, pubblicato in self-publishing, dà inizio a una trilogia di genere thriller soprannaturale che prosegue nel 2020 con “Il creatore di ombre“. Nel 2023 esce il thriller paranormale “Gioca con me”.


Recensione

Quindi ogni cosa ha una spiegazione secondo te, una logica che segue le leggi dell’uomo. E cosa succede se non si possono dare spiegazioni? Se le leggi dell’uomo si scontrano con quelle misteriose della natura?

E questa è la domanda che ogni volta mi spinge a leggere un qualunque romanzo con sfaccettature paranormali, che sia un thriller o un horror. Ed è con questa curiosità che ho letto la nuova storia di Luca Scopitteri “Gioca con me“, in cui ho ritrovato la scrittura scorrevole, accattivante e fluida che già conoscevo e apprezzavo, ma che qui si fa più tetra e capace di generare la suspense adatta a terminare il libro tutto d’un fiato. La componente paranormale, che dovrebbe spiegare alcuni degli eventi più cruenti della storia, ti lascia per tutto il tempo con un dubbio: qual è la linea tra verità e immaginazione? Perché se fin da subito credi alle parole di Guido, che racconta di una presenza malefica che ha rapito la sua fidanzata, pian piano alcuni tasselli si spostano, insinuando il dubbio. E il rapporto di amicizia tra Guido e Stefano, l’amico con i piedi per terra che cerca di trovare una spiegazione razionale a tutto, ti spinge a chiederti se alcuni avvenimenti non siano curiosamente legati ad altri protagonisti, compreso Guido. E nel momento in cui inizi a sospettare di tutti, perdi il controllo della storia, come è accaduto a me, e gli eventi ti spiazzano e ti spaventano ancora di più.

La tensione si mantiene alta per tutto il libro, con i due ragazzi che portano avanti la loro personale ricerca, quando Stefano finalmente accetta di aprire la mente a qualcosa di oscuro e misterioso e riportano invece a galla segreti fin troppo concreti e reali nella loro oscenità. Il finale mi ha sorpresa: due cambi di direzione, uno più inquietante dell’altro, che non mi aspettavo e che mi sono piaciuti molto. E’ stata una lettura molto piacevole (o forse dovrei dire sinistramente piacevole) che consiglio a tutti gli amanti dei thriller e degli horror e in particolare delle storie che prevedono presenze soprannaturali all’interno di quella che sembra una vita normale. Io di sicuro, se dovessi di nuovo incontrare una chiesetta in mezzo alle montagne, non entrerò più con la stessa serenità.


ACQUISTA QUI